Pizze, focacce, rustici

Pizza Eva (By Fables de sucre)

 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Beh, devo essere sincera, la prima volta che ho provato la pizza Eva non ero per niente soddisfatta e ho subito pensato di non farla mai più! 
L’altra sera giravo nel gruppo FB “la pasta madre” e vedevo le foto di pizze “Eva” spettacolari e ho voluto ritentare.
Che vi devo dire? La foto parla da se! 
Era spettacolare! Proverò senz’altro altre ricette, ma finora, tra quelle che ho provato con PM questa è senz’altro la migliore.
Sofficissima, digeribilissima e soprattutto niente risvegli notturni per mal di pancia o sete pazzesca… 🙂

Vi scrivo subito la ricetta che io ho seguito alla lettera aggiungendo solo più sale nell’impasto e omettendo il malto. 
Grazie ai Fables de sucre per questa fantastica ricetta! 

Ingredienti per 1 pizza in teglia rettangolare (la mia 40×25):

  • 350 gr di farina 0 + 150 gr di manitoba (oppure io uso 300 gr di Petra1 + 200 gr Petra3)  
  • 150 gr di pasta madre rinfrescata 
  • 350 gr di acqua 
  • 1 cucchiaio di sale
  • 2 cucchiai di olio EVO

Per la farcitura ovviamente vedete voi 😉 

Nella planetaria mischiate le farine, la pasta madre a pezzetti e l’acqua.
Lavorate almeno 10 minuti.
Io ho sciolto il sale nell’olio. 
Versate quindi nell’impasto.
Continuate a lavorare fino a quando incorda.
Lasciate riposare 30 minuti nella ciotola.
Trascorso questo tempo versate sul piano infarinato.
Formate tre serie di pieghe 30 minuti l’una dall’altra (clicca qui per vedere come si fa)

Trasferite in una ciotola con un pochino d’olio sul fondo e mettete in frigorifero.
Io ho lasciato lievitare per 35 ore. Ovviamente potete lasciare anche meno (almeno 24 però o di più…).

Appena avrà lievitato togliete l’impasto dal frigo e lasciate acclimatare un paio d’ore o di più. 
Stendete con le mani sulla teglia oleata e lasciate lievitare ancora… 

Farcite e infornate in forno caldo a 200° per circa 20 minuti.
Io utilizzo sempre il forno ventilato e metto la mozzarella a 5 minuti dalla fine 😉 

Buon appetito e grazie ancora Eva 😉